Come e dove comprare un animale

come-e-dove-comprare-un-animale

Andare allo zoo o in un negozio di animali permette di entrare in contatto con la natura e con un mondo, a suo modo, fantastico. Potrebbe essere interessante, quindi, sapere che cosa si può fare per comprare un animale, cucciolo o già grande, ovviamente rispettando la legge. Il caso più classico è quello del cane, per il quale possono essere previsti diversi tipi di vendita. Con la vendita reale, in particolare, è sufficiente il consenso orale per la consegna dell’animale; con la vendita obbligatoria, poi, al consenso deve seguire il trasferimento.

A proposito della vendita obbligatoria, si può concretizzare sotto forma di vendita di cosa futura, di vendita a prova, di vendita con riserva di gradimento o di vendita con spedizione. La vendita di cosa futura riguarda un cucciolo che non è ancora nato nel momento in cui il contratto viene stipulato: l’accordo, quindi, è precedente rispetto al momento della traslazione, anche se è solo la nascita del cane a fare sì che la proprietà venga acquistata e possa essere identificata, con il venditore che è vincolato alla garanzia per difetti di qualità e vizi. Con la vendita a prova, la cessione del cane viene completata a patto che l’animale dimostri di avere i requisiti desiderati: si tratta, in sostanza, di prendere il cane in prova per un certo periodo di tempo. Può avvenire, per esempio, con un animale che ha avuto un passato difficile o che è stato oggetto di violenze e che, quindi, potrebbe non essere in grado di convivere in maniera pacifica con gli esseri umani all’interno di una casa: per questo, si può decidere di metterlo alla prova, per verificare se il contesto domestico sia adatto a lui oppure no.

Altro caso è quello della vendita con riserva di gradimento, che viene portata a termine nel momento in cui l’acquirente manifesta al venditore il proprio gradimento. Il discorso è, più o meno, lo stesso visto per la vendita a prova. Infine, è prevista la vendita con spedizione, che per i cani è, ovviamente, da non considerare. Resta da chiedersi, a questo punto, in che cosa consista la garanzia per vizi e difetti. In linea teorica, potrebbero essere considerati tali i problemi di salute, ma anche le malattie, le disfunzioni morfologiche o semplicemente atteggiamenti caratteriali che sono in grado di compromettere l’esistenza dell’animale o, addirittura, la sua funzione. Si parla di vizi redibitori per indicare quelli che sono preesistenti al contratto e che dipendono dalla responsabilità del venditore che, di conseguenza, è tenuto ad accettare la restituzione del cane e la risoluzione del contratto di vendita se l’acquirente riscontra, appunto, uno di questi vizi.

A prescindere dal tipo di animale e dal tipo di vendita a cui si vuole fare riferimento, comunque, quello che conta è affidarsi a enti e aziende di fiducia e di provata qualità. Grazie a Iltrovanumeri.it, si trova il numero verde di tantissime aziende, da contattare per richiedere informazioni o per prenotare un appuntamento.

About The Author